In scena le finaliste di “Coreografi in Movimento”

Il Teatro cerca casa

Sabato 5 ottobre, alle ore 21, presso il Ridotto del Teatro Stabile di Napoli, andranno in scena le tre coreografie finaliste del progetto di ospitalità Coreografi in Movimento, ideato da Movimento Danza di Gabriella Stazio per sostenere, diffondere e promuovere le nuove creazioni di coreografi, performer e gruppi di età compresa tra i 18 e i 35 anni.

La finalità principale, in linea con lo spirito che da sempre anima le iniziative di Gabriella Stazio, è favorire la realizzazione di progetti coreografici innovativi e ispirati alla contemporaneità, dalle singole fasi di realizzazione alla messa in scena.

Sul palcoscenico del Ridotto del Teatro Stabile di Napoli si alterneranno tre giovani coreografe e interpreti, selezionate tra tutte le richieste di partecipazione pervenute tramite bando: Valeria D’Antonio, Olimpia Panariello e Simona Perrella.

Con “IN – COMUNICAZIONE come in un’unica azione”, Valeria D’Antonio, affiancata nell’interpretazione da Alessia Andria, porterà in scena l’importanza della comunicazione, pura e scevra da qualsiasi sovrastruttura, come unico strumento veramente adatto a cogliere la semplicità e la bellezza altrui in un contesto in cui regna la difficoltà di trovare relazioni vere con l’altro.

Si basa invece su di un gioco di parole libero tra “si danza” e “s’addensa”  la coreografia “S’addaenZa” di Olimpia Panariello, una creazione che rappresenta l’antica lotta tra coloro che accettano le regole di appiattimento imposte dal sistema e chi sceglie invece di liberarsene. In scena con lei Annalaura Ferrara, Maria Luisa Manzo, Federica Massaro e Marella Vitucci.

Le protagoniste della terza coreografia, “Manomissioni”, ideata da Silvio e Simona Perrella, coreografa ed interprete, sono le mani, che parlano, illudono e ingannano, simbolo per eccellenza della mobilità e dell’espressività.

Nel corso del periodo di ospitalità iniziato a luglio 2013, Movimento Danza ha dato ai coreografi dei progetti finalisti uno spazio prove, ma anche e soprattutto un’assistenza tecnica e artistica.
I danzatori/performer/coreografi hanno frequentato gratuitamente le Open class che si svolgono regolarmente a Movimento Danza così come le lezioni di laboratorio e di composizione coreografica tenute da Sonia Di Gennaro.
A Gabriella Stazio il compito di affiancare i giovani coreografi supportandoli sia con consulenze artistiche che con supervisioni coreografiche.

Sabato 5 ottobre, al termine della presentazione e messa in scena, verrà premiato il progetto vincente tra i tre finalisti.