Danza Classica, 5 cose da sapere

Cose da sapere sulla danza classica

La Danza Classica è una delle forme artistiche più amate di tutti i tempi. Un sogno intramontabile per bambine e bambini, ma anche per i genitori poiché, oltre ad essere un’arte, è anche una disciplina utilissima allo sviluppo sia fisico che psicologico.

Grazia, leggerezza e bellezza, potenza, portamento e precisione, grandi gratificazioni e forti emozioni. La Danza Classica è tutto questo e molto di più. Ecco perché genera sempre interesse e curiosità.
Noi di Movimento Danza abbiamo risposto a 5 fra le domande più frequenti sulla Danza Classica.
Scommettiamo che almeno una di queste te la sei posta anche tu?

Perché si danza sulle punte?

danzare con scarpette da puntaL’uso delle scarpe da punta si diffonde tra le ballerine nel 19°secolo. Le donne sfidano le leggi dell’anatomia e come creature sovrannaturali danzano eteree in punta di piedi: un’immagine perfetta per gli ideali del Romanticismo che proprio allora influenzava le arti in Europa. Fu l’italo-svedese Maria Taglioni ad eseguire il primo balletto interamente sulle punte, con La Sylphide, nel 1832. Da allora le scarpe da punta si sono evolute parallelamente all’evoluzione dei passi di danza, secondo le scuole delle varie nazioni, portando sempre più virtuosismo nella Danza Classica e poi Neoclassica.
Altra curiosità: secondo alcuni studiosi, il ballo sulle punte fu sperimentato per la prima volta da danzatori napoletani già durante il 18° secolo.

Fa male danzare sulle punte?

All’inizio può sembrare un po’ faticoso, è normale, ma, con i giusti consigli, l’abilità a salire sulle punte diventa naturale.
Per danzare sulle punte sono fondamentali il rafforzamento e la giusta impostazione di schiena, gambe, caviglie e piedi. Sarà l’insegnante a decidere quando un’allieva è davvero pronta ad usare le scarpe da punta, valutandola dal punto di vista sia anatomico, sia tecnico, sia atletico. Per questo è importante che le insegnanti o gli insegnanti siano esperti e scrupolosi come i nostri, attenti prima di tutto al benessere degli allievi.
La Danza Classica, inoltre, può prevenire e a volte curare vari difetti posturali, particolarmente la lordosi. E’ inoltre indicata in caso di piedi piatti, di ineguale crescita degli arti oppure di ginocchia ed anche disallineate.

E’ vero che la Danza Classica è cosa da donne?

Scena dal film "Billy Elliot"No, è assolutamente falso. Ci sono molti pregiudizi su questo punto. Ancorata ai principi di grazia e leggiadria, la Danza Classica è generalmente percepita come una disciplina prettamente femminile ma, come tutte le forme artistiche, in realtà non ha genere sessuale. Pensa che all’inizio tutti i ballerini erano esclusivamente uomini! La prima ballerina professionista all’Opera di Parigi, M.lle de La Fontaine, salì sul palco solamente nel 1681, nel balletto Le Triomphe de l’amour. 
Hai mai visto un vero ballerino in azione? Corpo perfettamente definito, grandi capacità acrobatiche, forza esplosiva unita al controllo di ogni singolo movimento. Il training della danza maschile porta non solo ad un peso forma ottimale, ma anche a resistenza aerobica, addominali e dorsali lunghi e potenti, gambe elastiche e muscoli forti. Tanto da arrivare a sollevare la propria partner con un solo braccio teso.
E poi basta con le vecchie convinzioni! Oggi mostrare la propria sensibilità è segno di forza, non più di debolezza. Non sei ancora convinto? Hai mai visto il film Billy Elliot? Dovresti farlo. Scoprirai quanto è bello danzare e scegliere senza curarsi di ciò che gli altri pensano o dicono…

Perché si usa il tutù? Perché si usano calze e calzamaglie?

ballerine con tutù in un quadro di degasInsieme alle scarpette da punta è il simbolo più forte della Danza Classica: il tutù. Quella nuvola vaporosa di tulle che le bambine sognano di indossare per “volare” leggiadre danzando.
La forma di tutù più usata e famosa, la cui lunghezza non supera il ginocchio, fu introdotta per la prima volta sempre con il balletto La Sylphide, per poi affermarsi definitivamente con Giselle, uno dei balletti più celebri della Danza Classica, interpretata da Carlotta Grisi nel 1841.
Ovviamente il tutù si usa quasi esclusivamente per gli spettacoli. Durante l’allenamento si usano body e calze per le donne, calzamaglie per gli uomini. Calze e calzamaglie sono perfettamente aderenti per non limitare i movimenti e consentono di mettere in evidenza i muscoli in azione.
Generalmente tutti vestono la stessa divisa, per rispondere ai principi di eleganza e armonia della danza ma anche per rappresentare l’appartenenza alla scuola. Inoltre così si evitano inutili competizioni per sfoggiare il costume più bello, come avviene ad esempio con gli zaini scolastici.

A che età si inizia a fare Danza Classica?

Studiare danza da piccoliSi può iniziare soltanto da piccoli?
Dipende. Noi consigliamo di iniziare quando le bambine o i bambini hanno dai 5 agli 8 anni d’età, con il Corso di Propedeutica alla Danza Classica, un programma di danza e ginnastica mirato all’introduzione del lavoro coreutico.
I Corsi professionali iniziano dai 9 anni in poi.
Iniziare da piccoli con insegnanti esperti è importante per poter danzare bene e per evitare danni fisici in futuro. 
Questo vale sia per chi pensa ad un potenziale percorso professionale per i propri figli, sia per i tanti genitori che scelgono la Danza Classica innanzitutto per i suoi grandi benefici.
Molti bambini, inoltre, dimostrano interesse per il movimento e il ritmo anche prima dei 5 anni d’età. In questo caso, consigliamo il nostro innovativo Corso di Danza ludica, che prepara al meglio per ogni tipo di danza ed attività motoria.
Movimento Danza propone anche un Corso di Danza Classica per tutti, aperto ad appassionati di qualsiasi età, perfetto per restare in forma, ideale per chi ha sempre sognato di fare Danza Classica oppure l’ha praticata in adolescenza.

E tu, hai qualche altra domanda? Vieni a Movimento Danza ed avrai ogni risposta!
Troverai una scuola di livello internazionale, tra le migliori in Italia per la Danza Classica, non a caso tra le pochissime realtà riconosciute come Organismo di Promozione Nazionale della Danza. Una scuola di danza dove, da oltre 35 anni, l’esperienza cresce insieme con la passione!