OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Danzatrice, coreografa e performer, nata il 4 Aprile 1988, si forma in danza classica, moderna e contemporanea presso il centro Poiesis di Rosaria Valerio e presso Movimento Danza di Gabriella Stazio, dove consegue un diploma di perfezionamento in danza contemporanea. Nel 2013 inizia la sua attività di coreografa con Manomissioni, vincitrice del concorso “Coreografi in movimento 2013”, bando di ospitalità e mobilità per giovani artisti indetto da Movimento Danza (Ente di promozione nazionale delle danza), sotto la direzione di Gabriella Stazio.
Il lavoro viene selezionato per la rassegna Rai.d (Festival interregionale di danza a Salerno, creato da Claudio Malangone), Stazioni di emergenza atto VI di Galleria Toledo (2014/15) e per On Stage presso il Teatro Carlo Gesualdo di Avellino.
Dal 2015 entra a far parte del Performing Arts Group, compagnia giovani Movimento Danza di Gabriella Stazio, e danza all’ E45 Napoli Fringe Festival 2015 con la coreografia Pinball di Sonia Di Gennaro ed è una dei performers del progetto “Campanian Dance Road”, organizzato da Movimento Danza e dalla Regione Campania. Laureata in Filologia classica con 110 e lode all’Università di Napoli “Federico II”, collabora con i giornali on-line Il Pickwick e Campadidanza Dance Magazine.

S(K)HIN
di Simona Perrella

La donna è spesso immaginata in una vetrina, con la forza e la delicatezza di una statua greco-romana, senza pensare che contiene dentro di sé un bagaglio di memorie corporee ed immaginative che spesso rivelano una forte vulnerabilità.
S(k)hin vuole essere una riflessione sullo sradicamento di quelle che sono delle concezioni ormai radicate nell’immaginario collettivo, e contemporaneamente, un distaccamento da quello che gli “aloni” dei vissuti amorosi dichiarano penetrando nel corpo, una ricerca di risoluzione tra meccanismi di pensiero e voluntas, attraverso il richiamo di immagini di repertori mitologico-corporei. Skin, “pelle” in inglese e shin, ideogramma giapponese che significa “mente-cuore-pensiero-vita” si uniscono alla ricerca di un’integrità ed un’unità che permea tutti gli esseri viventi, a carattere universale e che la danza, l’arte, è in grado di risolvere.