Il luogo del paradosso”, coreografia di Gabriella Stazio per la Compagnia Movimento Danza, diventa una straordinaria produzione di videodanza.
Con i teatri chiusi e le rassegne da riprogrammare, Gabriella Stazio ha invitato i danzatori del “Paradosso” ad immaginare, danzare e filmare questa coreografia di successo a casa propria.
Roberta Escamilla Garrison, Joseph Fontano, Emanuela Tagliavia, Claudio Malangone, Sonia Di Gennaro ed Angela Caputo hanno danzato e improvvisato, nella parte di sé stessi, secondo il medesimo concept coreografico teatrale: un succedersi di cellule coreografiche dal risultato imprevedibile e irripetibile.
Sulle musiche originali del sound designer Francesco Giangrande, le cellule coreografiche raccontano il corpo come il luogo di un paradosso, ovvero, secondo Jacques Le Goff, “il luogo dove si incontrano peccato e martirio”. “Un luogo oltre la logica o un problema senza soluzione, oppure contro le regole o meglio oltre l’apparenza. Il corpo” – scrive Gabriella Stazio “come il luogo cruciale delle tensioni dinamizzanti
dell’Occidente tra esperienza quotidiana e straordinaria, ragione e contraddizione”.
Quale migliore racconto per i tempi difficili che stiamo vivendo?
La post-produzione video è di Francesco Petrone.
Il video è una coproduzione Movimento Danza – Mibact – Regione Campania.

vai alla pagina dedicata alla coreografia