Na die Ander vince la finale di Residanza 2016

®Photo Pasquale Ottaiano

Grande attesa per l’ultima serata della rassegna Second Hand – Di Seconda Mano quando a salire sul palco sono stati i giovani finalisti del bando Residanza – La casa della nuova coreografia promosso da Gabriella Stazio.

Tra gli applausi della giuria, il gruppo di finalisti, molto eterogeneo per stile, collocazione geografica e performance, ha animato il pubblico in sala dando prova di bravura e grande presenza scenica.

Una serata all’insegna della danza vinta dal duo Elisabetta Bonfà e Sara Bizzoca con il loro progetto Na die Ander, anche se a vincere sono stati l’entusiasmo e la forza di tutti i partecipanti capaci di avvicinare in teatro un pubblico giovane e di impressionare gran parte della giuria, unanime nel verdetto come nella consapevolezza che il futuro è dei giovani che amano mettersi alla prova grazie a dei progetti come Residanza.

Vincitore Residanza – La casa della nuova coreografia 2016 : Elisabetta Bonfà e Sara Bizzoca con Na Die Anader

“Per quelli che l’attraversamento ammucchiati e in piedi sopra imbarchi d’azzardo,il mediterraneo è un buttadentro“. Erri De Luca

NA DIE ANDER è un viaggio tra sabbia ed acqua, è lasciare un paese per realizzare un sogno. Naufragio degli Ulisse contemporanei, dove il ritorno a casa viene sostituito dal ricreare una nuova casa, sradicando le proprie radici e cercando di piantarle in una nuova terra.  Ma prima si attraversa il mare, ostacolo da superare, nel cui mare sono morte migliaia di persone che arrivavano da più paesi, guidate dal sogno di una vita migliore.

Attraverso le scarpe utilizzate in scena  si vuole evocare la guerra, i morti, nella loro tremenda normalità, e c’è il racconto tragico ed epico nel trovare un collocazione all’arrivo.

Così Na Die Ander prende atto di quello che oggi è l’immigrazione , non lontano da quello che era ieri e vicino a quello che sarà domani. È lo spunto di riflessione, non come denuncia ma come atto di coscienza di qualcosa che c’è e che si vuole ignorare. Infatti obbiettivo  è incitare  gli spettatori ad  una maggiore sensibilità nei confronti di un problema che ci riguarda tutti da molto, molto vicino.

Classifica della finale

Terzo posto: Compagnia vuoto per Pieno con La pragmatica del #CIAOINVISIBILE

Secondo Posto: Maria Stella Pitarresi con Blu Ottobre

Primo posto: Elisabetta Bonfà e Sara Bizzoca con Na Die Ander

Giuria

Mario Crasto de Stefano, Presidente pro tempore Federazione Danza AGIS e Direttore artistico sezione danza Teatro Pubblico campano

Massimiliano Craus, Giornalista

Adriana Cristiano, Membro Jr Boderline Danza

Antonella Iannone, Direttore Associazione Campania Danza

Angela Lonardo, Giornalista

AnnaRita Pasculli, coreografa